Archivi tag: millelire

“Ciak…sul il sipario” al Teatro Millelire

suilsipartioIl Teatro Millelire, anche d’estate, continua la sua attività. Per tre sere a settimana, dal martedì al giovedì alle ore 18.00, dal 24 giugno al 7 agosto, propone Ciak…su il sipario una rassegna cinematografica di pellicole famose, riadattate da piece teatrali di drammaturgia contemporanea.

Le 21 pellicole, che saranno proiettate in ordine cronologico, mostrano l’evoluzione delle tecniche registiche, attoriali e di doppiaggio.

Ad aprire la rassegna il 24 giugno “Scrivimi fermo posta” del 1940, prodotto e diretto daErnst Lubitsch, tratto dalla commedia Parfumerie (1937) del commediografo ungherese Miklós László, interpretato da James Stewart e Margaret Sullavan.

Il 25 giugno “Un tram che si chiama desiderio” del 1951 diretto da Elia Kazan, con protagonisti Vivien Leigh e Marlon Brando.È basato sull’omonimo dramma di Tennessee Williamsdel 1947. Il 26 giugno è la volta di “Come sposare un milionario” del 1953 diretto da Jean Negulesco. Il film trae ispirazione dalle opere teatrali The Greeks Had a Word for It di Zoë Akinse Loco di Dale Eunson e Katherine Albert. Con Marilyn Monroe, Lauren Bacall e Betty Grable. L’1 luglio “La gatta sul tetto che scotta” del 1958 diretto da Richard Brooks, tratto dall’omonimo dramma teatrale di Tennessee Williams, con Paul Newman ed Elizabeth Taylor. Il 2 luglio “Improvvisamente l’estate scorsa” del 1959 diretto da Joseph L. Mankiewicz, tratto dall’omonima pièce teatrale di Tennessee Williams, adattata per il cinema dallo stesso drammaturgo insieme a Gore Vidal, con Elizabeth Taylor, Montgomery Clift e Katharine Hepburn. Il 3 luglio “Questi fantasmi” del 1967 diretto da Renato Castellani e interpretato daSofia Loren e Vittorio Gassman. Il film è liberamente tratto dalla commedia omonima diEduardo De Filippo. L’8 luglio “Provaci ancora, Sam” del 1972 diretto da Herbert Ross, tratto dall’omonima opera teatrale di Woody Allen. Il 9 luglio “Lenny” del 1974 diretto da Bob Fossesulla vita del comico statunitense Lenny Bruce, interpretato da Dustin Hoffman, tratto da una pièce teatrale di Julian Barry, adattata per il cinema dallo stesso autore. Il 10 luglio “La piccola bottega degli orrori” del 1986 di Frank Oz, ispirato a omonimo musical di Alan Menken eHoward Ashman. È interpretato da Rick MoranisEllen GreeneVincent Gardenia e Steve Martin. Il 15 luglio “A Spasso con Daisy” del 1989 diretto da Bruce Beresford con Morgan Freeman eJessica Tandy. Tratto dall’opera teatrale di Alfred Uhry. Il 16 luglio “Rumori fuori scena” del1992, diretto da Peter Bogdanovich. La pellicola si basa sulla commedia inglese “Noises Off” diMichael Frayn, con Michael Caine, Carol Burnett e Christopher Reeve. Il 17 luglio “Gocce d’acqua su pietre roventi” del 2000 scritto e diretto da François Ozon, tratto dalla pièce teatrale Tropfen auf heisse Steine di Rainer Werner Fassbinder, mai messa in scena, con Bernard Girardeau, Malik Zidi, Ludivine Saigner e Anna Thomson. Il 22 luglio “8 donne e un mistero” del 2002, diretto da François Ozon. Si tratta di una commedia noir basata sulla pièceteatrale Huit femmes di Robert Thomas con Catherine Deneuve, Isabelle Huppert e Fanny Ardant. Il 23 luglio“The Libertine” del 2004 diretto da Laurence Dunmore, all’esordio nella regia, tratto dall’omonima opera teatrale di Stephen Jeffreys, con Johnny Depp, John Malkovich e Samantha Morton. Il 24 luglio “Closer” del 2004 diretto da Mike Nichols, con Jude LawNatalie PortmanJulia Roberts eClive Owen, tratto dall’omonima opera teatrale di Patrick Marber con Julia Roberts, Jude Law, Natalie Portman e Clive Owen. Il 29 luglio “Il Dubbio” del 2008 scritto e diretto da John Patrick Shanley, adattamento cinematografico del suo omonimo dramma teatrale, con Meryl Streep,Philip Seymour HoffmanAmy Adams e Viola Davis. Il 30 luglio “Rabbit Hole” del 2010 diretto da John Cameron Mitchell, basato sulla omonima pièce teatrale grazie a cui David Lindsay-Abaire ha vinto il Premio Pulitzer con Nicole Kidman, Aaron Eckart e Dianne Wiest. Il 31 luglio“Carnage” del 2011 diretto da Roman Polański, basato sull’opera teatrale Il dio del massacrodella drammaturga e scrittrice francese Yasmina Reza con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz e John C. Reilly. Il 5 agosto “Cena tra amici” del 2012 diretto da Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte, adattamento cinematografico di un lavoro teatrale, Le Prénom, di Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte, che hanno anche diretto il film, con Patrick Bruel, Valerie Benguigui, Charles Berling, Judith El Zein e Guillaume de Tonquedec. Il 6 agosto“Nella casa” del 2012 scritto e diretto da François Ozon e interpretato da Fabrice Luchini,Ernst UmhauerKristin Scott ThomasEmmanuelle SeignerDenis Menochet, liberamente adattato dalla pièce teatrale El chico de la ultima fila di Juan Mayorga. Il 7 agosto “I segreti di Osage County” del 2013 diretto da John Wells, basato sulla pièce teatrale di Tracy LettsAugust: Osage County, vincitrice del Premio Pulitzer, con Meryl Streep, Julia Roberts e Ewan McGregor.

 

Millelire

via Ruggero di Lauria 22 Roma

dal 24 giugno al 7 agosto

ore 18.00

Costo biglietto: intero 5.00 tessera associativa 2.00

per info e prenotazione

www.millelire.org – 0639751063 – 3332911132

Annunci

San Valentino tra Moda e Poesia: Terrazza Monti incontra l’autore Fabio Chiarini

diversamente MontiINCONTRO CON

Fabio Chiarini autore di

diversamente Angeli – Strangely Angels”

Mercoledì 12 febbraio 2014

Terrazza Monti via Leonina 37 Roma – ore 18.30

Continuano gli incontri con Fabio Chiarini. In occasione di San Valentino altre due presentazioni per l’autore di “diversamente Angeli” prima della tournèe in Europa

Mercoledì 12 febbraio alle ore 18.30 presso la Terrazza Monti di via Leonina a Roma Fabio Chiarini incontra il pubblico per parlare del suo primo libro di poesie, “diversamente Angeli – Strangely Angels”edito da Millelire.org. La presentazione del libro sarà curata da Marcella Sullo, giornalista Rai, e Andrea Alessio Cavaretta direttore del portale di cooperazione culturale Kirolandia che daranno vita “a un incontro onirico e sui generis” così come spiegano i due relatoriLe foto del primo appuntamento saranno a cura di Ilaria Morelli.

diversamente Angeli” è una raccolta di poesie, scritte in italiano con testo a fronte in inglese, che mette al centro l’amore, quello proibito, la delusione, l’abbandono, la solitudine e la dannazione.

Temi forti, importanti trattati nei versi utilizzando due figure contrapposte, come il bianco e il nero. Il giovane autore ci mostra due tipi di angeli maledetti: uno, che alla fine si rivela essere un demone, rispecchia la fine di un amore, l’abbandono; l’altro, invece, rappresenta l’unione tra due anime dannate perché, al di fuori della loro intimità, non vengono comprese e accettate. Il loro amore non viene capito dal resto del mondo, anzi, viene considerato sbagliato solo perché è apparentemente “diverso” da quello che viene raccontato nelle fiabe.

Con un linguaggio informale, riflessivo, ricco di aggettivi, similitudini e metafore l’autore mette in luce la situazione disagevole che dell’omosessualità. Chiarini nel suo “Diversamente angeli” narra di uomini e donne costretti a vivere il proprio orientamento sessuale condizionati dai canoni che la società e la religione gli detta.

Angeli maledetti

Siamo angeli maledetti,

che la gente pensi che sia un amore dannato

solo tu ed io

siamo a conoscenza della purezza

dei nostri baci,

dei nostri sguardi,

dei nostri abbracci,

rovinati dagli sguardi inorriditi della gente.

Seppur maledetti

io e te

siamo due angeli.

Biografia e opereFabio Chiarini, nato nel 1985, ha un incondizionato desiderio di scrivere e di viaggiare. Inizia con i concorsi letterari a partire dai 17 anni, classificandosi al secondo posto nel concorso letterario “Segnali di Fumo” nel 2004. Successivamente è inserito nella collana Coccinelle di Edigiò editore nel 2007 e in occasione dei 150 anni dell’Unione d’Italia nel 2011, viene pubblicato un racconto intitolato “Arrivederci Roma” nel libro “Buongiorno Italia”. Cura esposizioni fotografiche su Parigi, Roma e Londra. Laureato in Lingue straniere inizia la carriera da giornalista per portali italiani, inglesi e cinesi. Il binomio lingue straniere e giornalismo lo porta a lavorare a Parigi per la Corte d’Appello francese come giornalista interno e traduttore italiano del sito internet del Palazzo di Giustizia. Ama viaggiare, per questo iil suo blog, tradotto in 16 lingue straniere ed è diffuso a livello internazionale. Questo è il suo primo libro di poesie personale.

DIVERSAMENTE ANGELI – STRANGELY ANGELS

di Fabio Chiarini

Millelire Editore

Euro. 12,00

Pag. 96 

MERCOLEDÌ 12 FEBBRAIO

TERRAZZA MONTI Via Leonina 37 Roma ore 18.30

“E’ morta zia Agata!?!” ricordando Lorenzo de Feo al Teatro Millelire

èmortaziaAgataDopo la perdita prematura del Direttore Artistico del Teatro Millelire, Lorenzo De Feo scomparso lo scorso 19 gennaio, Antonio Lupi. direttore organizzativo del Teatro, vuole ricordarlo portando in scena È morta zia Agata!?! che lo stesso De Feo ha diretto per l’ultima volta a Natale 2013.

Dal 29 gennaio al 16 febbraio 2014 il Millelire di Roma ritorna in scena per tre settimane l’esilarante black comedy in musica, totalmente amorale in cui l’eredità è l’obiettivo finale dei protagonisti, era già andato in scena durante il periodo natalizio e aveva già riscosso successo di pubblico e critica.

L’humor nero e il cinismo con le canzoni originali fanno di questa commedia un’opera sullo stile Monty Python nonché degno della migliore tradizione dell’Off Broadway, l’unica differenza è che si tratta di un prodotto tutto italiano elemento che lo rende godibile come le classiche commedie musicali.lorenzodefeo

In È morta zia Agata!?!, che vede in scena Gabriele Mangion, Mario Piana, Mariano Riccio, Antonio Lupi e Jessica Zanella, la meschinità tra parenti la fa da padrona e induce a comportamenti poco ortodossi e a subdole alleanze, fino ad arrivare a soluzioni estreme. Il tutto è condito da paradossali situazioni con inevitabili momenti di assurda comicità.

 zia agata

È morta zia Agata!?!

Scritto e diretto da Lorenzo De Feo

con Gabriele Mangion, Mario Piana, Mariano Riccio, Antonio Lupi e Jessica Zanella.

Musiche Francesco Crispo

Foto: Fabrizio Caperchi

al Millelire

via Ruggero di Lauria 22 Roma

dal 29 gennaio al 16 febbraio

mercoledì 29 gennaio ore 21.00

dal martedì al sabato ore 21.00

domenica ore 18.00

Costo biglietto: intero 12.00, ridotto 10.00, tessera associativa 2.00

Al Teatro Millelire parte prima Edizione di “Un corto per il Teatro”

logoPremioMillelireParte il 7 gennaio 2014 la Prima Edizione del “Premio Millelire” – Un corto per il Teatro organizzata dal Teatro Millelire con il patrocinio del I Municipio di Roma Capitale e con il Media Partner del Magazine La Nouvelle Vague, di Gino il mensile degli eventi a Roma e Kirolandia il blog di teatro e attività culturali.

La rassegna, che si svolgerà presso il Teatro Millelire dal 7 al 12 gennaio, vuole offrire alle compagnie uno spazio dove esporre i propri lavori favorendo la diffusione e il confronto tra i nuovi soggetti del Teatro Italiano. “Il tema scelto è la Menzogna – spiega il direttore artistico Lorenzo De Feo. “La menzogna nella letteratura, nella storia, nelle favole, nel rapporto sentimentale, nell’amicizia, nei messaggi mediatici, nel sociale, nella religione; ovvero, la menzogna in senso lato intesa anche come stile di vita nonché come patologia”.

Quindici sono i corti teatrali scelti dagli organizzatori. Quindici compagnie, provenienti da diverse città d’Italia, verranno valutate da tre diverse giurie: la Giuria di Qualità presieduta da Michele Placido accompagnato da altri attori e registi noti al grande pubblico come Michele Mirabella,Giuseppe ManfridiEnrico Maria LamannaRenato CampeseLydia Biondi, Mirella MazzeranghiMita MediciIris Peynado che si alterneranno per le sei serate; La Giuria Critica che sarà composta da giornalisti e critici teatrali come Natalia di Stefano e Donatella Codonesu del Corriere della Sera; La Giuria Popolare, composta dal pubblico presente in sala.

La Verità in trappola scritto e diretto da Marcello Mione con Simone Faucci, Emanuela Mascherini e Gabriele Tiziani; L’amore in un’ampolla scritto da Giovanni De Luise diretto da Marco Aspride con Francesca Borriero, Gaetano Bruno e Giuseppe Maria Manico; Demetra e Selene, millenni di bugie scritto e diretto da Gabriele Marelli, con Paola Saccoman e Sefora Castro; ZITTO scritto diretto e interpretato da Mariano Riccio e Giovanni Giudice; Fedeltà Bugiarda scritto e diretto da Seby Genova, con Alice Viglioglia, Ivano Calafato e Francesca Petretto; Io, Me e Godot scritto diretto e interpretato da Michele Castellano; Amaro Calamaro – Sapore ignaro scritto e diretto da Marcello Paesano con Marcello Paesano, Valeria Panepinto, Max Zanuzzi e Sara Francesca Spelta; FARI di Micol Graziano, diretto e interpretato da Paolo Giommarelli e Cristina Gardum; Giallo per Stanze scritto diretto e interpretato da Marica Roberto; Cipolle scritto e diretto da Angelo Zito con Katia Nani;Serenamene scritto e diretto da Milo Vallone con Marica Cotognini e Milo Vallone; Le (S)confessioni scritto e diretto da Fabio Pisano Ciro Zangaro e Edoardo Sorgente; The Terminal scritto e diretto da Roberto Lombardi con Asia Bosio, Jennifer Bevilacqua, Marta Raciti, Matteo Chippari, Luca Lombardi, Simone Manzotti, Paolo Sarmenghi e Paolo Mazza;Labirinti scritto e diretto da Daniel De Rossi Con Jessica Zanella e Daniel De Rossi; Il terzo tempo di Aspettando Godot Scritto e diretto da Nivio Sanchini, con Loredana Farinelli e Caterina Profili

Sono questi i quindici corti teatrali che le altrettante compagnie porteranno in scena per aggiudicarsi i cinque premi: Miglior CortoMiglior InterpreteMiglior RegiaPremio della Critica conferiti dalle tre giurie e il Premio Speciale alla Creatività attribuito da “La Nouvelle Vague Magazine”.

I partecipanti si esibiranno dal martedì al sabato (tre corti per ogni serata). I migliori tre, tra i quindici corti, si esibiranno la sera del 12 gennaio dalla quale sarà decretato il vincitore che si aggiudicherà un fine settimana di programmazione al termine della stagione teatrale 2013/2014 al Teatro Millelire.

PREMIO MILLELIRE – UN CORTO PER IL TEATRO – I edizione

al Teatro Millelire

via Ruggero di Lauria 22

dal 7 al 12 gennaio 2014

ore 21.00

Costo biglietto: 10.00 Abbonamento valido per 5 serate: 40.00

per info e prenotazione www.millelire.org – 0639751063 – 3332911132

 

Esce “diversamente Angeli” il primo libro di Fabio Chiarini

foto 2 (1)Esce oggi, lunedì 2 dicembre 2013, “Diversamente Angeli – Strangely Angels”, il primo libro di Fabio Chiarini edito da Millelire, la cui prefazione è stata curata da Imma Battaglia. Una raccolta di poesie, scritte in italiano con testo a fronte in inglese, che mette al centro l’amore, quello proibito, la delusione, l’abbandono, la solitudine e la dannazione.

Temi forti, importanti trattati nei versi utilizzando due figure contrapposte, come il bianco e il nero. Il giovane autore ci mostra due tipi di angeli maledetti: uno, che alla fine si rivela essere un demone, rispecchia la fine di un amore, l’abbandono; l’altro, invece, rappresenta l’unione tra due anime dannate perché, al di fuori della loro intimità, non vengono comprese e accettate. Il loro amore non viene capito dal resto del mondo, anzi, viene considerato sbagliato solo perché è apparentemente “diverso” da quello che viene raccontato nelle fiabe.
Con un linguaggio informale, riflessivo, ricco di aggettivi, similitudini e metafore l’autore mette in luce la situazione disagevole che dell’omosessualità. Chiarini nel suo “Diversamente angeli” narra di uomini e donne costretti a vivere il proprio orientamento sessuale condizionati dai canoni che la società e la religione gli detta.

La prima presentazione del libro si terrà il 4 dicembre presso la Libreria Angloamericana di Roma (via della Vite, 102). La giornalista Fabiana Carucci e il docente univeristario il prof. Lino Belleggia approfondiranno i versi scritti dall’autore e interpretati dall’attore Leonardo Pellegrino.

Angeli maledetti

Siamo angeli maledetti,
che la gente pensi che sia un amore dannato
solo tu ed io
siamo a conoscenza della purezza
dei nostri baci,
dei nostri sguardi,
dei nostri abbracci,
rovinati dagli sguardi inorriditi della gente.
Seppur maledetti
io e te
siamo due angeli.

Biografia e opere: Fabio Chiarini, nato nel 1985, ha un incondizionato desiderio di scrivere e di viaggiare. Inizia con i concorsi letterari a partire dai 17 anni, classificandosi al secondo posto nel concorso letterario “Segnali di Fumo” nel 2004. Successivamente è inserito nella collana Coccinelle di Edigiò editore nel 2007 e in occasione dei 150 anni dell’Unione d’Italia nel 2011, viene pubblicato un racconto intitolato “Arrivederci Roma” nel libro “Buongiorno Italia”. Cura esposizioni fotografiche su Parigi, Roma e Londra. Laureato in Lingue straniere inizia la carriera da giornalista per portali italiani, inglesi e cinesi. Il binomio lingue straniere e giornalismo lo porta a lavorare a Parigi per la Corte d’Appello francese come giornalista interno e traduttore italiano del sito internet del Palazzo di Giustizia. Ama viaggiare, per questo iil suo blog, tradotto in 16 lingue straniere ed è diffuso a livello internazionale.

Questo è il suo primo libro di poesie personale.

DIVERSAMENTE ANGELI – STRANGELY ANGELS
di Fabio Chiarini
Millelire Editore
Euro. 12,00
Pag. 96
http://www.fabiochiarini.com

Recensione di ” Non per vantarmi, ma avevo capito tutto” al Teatro Millelire

pasolini (1)Dopo Van Gogh, al Teatro Millelire ospita un altro artista, questa volta italiano della cultura contemporanea: tra le note di De André, un Pasolini malandato e sfregiato dal pestaggio che ha causato la sua morte, racconta i ricordi della sua infanzia. Un poeta, un attore, un drammaturgo, un linguista, un regista, uno scrittore, un talento innato eppure un uomo criticato per il suo orientamento sessuale, criticato sul suo modo di fare.
Tra critiche ed elogi, amore e odio, l’essere seguito ed isolato a quasi quarant’anni dalla sua morte ci sono ancora misteri della sua morte.
Massimo Mirani e Daria Veronese con “Non per vantarmi ma avevo capito tutto..” mettono in scena la vita di un uomo che ha segnato l’Italia. Un monologo interpretato da Massimo Mirani, arricchito da musiche, video e personaggi che cercano di illustrarlo in maniera diversa rispetto a chi lo ha conosciuto in quegli anni.
Un uomo e un intellettuale eclettico, sfaccettato, contraddittorio, proiettato in un tempo che non era il suo, che ha letto i segnali di cambiamenti che si sarebbero palesati negli anni seguenti.
“Pasolini ha lasciato opere poetiche struggenti, ma anche scandalose e complesse e che ha evidenziato ed accentuato la propria ribellione verso una società che negava alcuni dei più importanti bisogni dell’essere umano” spiega Daria Veronese regista dello spettacolo.
scritto Massimo Mirani e Daria Veronese regia Daria Veronese con Massimo Mirani.
Una buona interpretazione di Massimo Mirani, che incarna persino la fisionomia del grande maestro.

Non per vantarmi ma avevo capito tutto … un uomo avanti

pasolini (1)Dal 22 al 27 ottobre il Millelire ospita un altro spettacolo che ricorda un uomo che ha segnato la storia dell’Italia: Pier Paolo Pasolini. Un uomo sul quale sono state scritte pagine di critiche ed elogi, amato e odiato, seguito ed isolato. Cosa aggiungere, quindi, dopo quasi quarant’anni dalla sua morte, ancora oggi avvolta da una nebbia di misteri?

Massimo Mirani e Daria Veronese con Non per vantarmi ma avevo capito tutto.. un uomo avanti danno una loro visione raccontandolo come, forse, i suoi contemporanei lo vedevano, alternando il piano soggettivo a quello oggettivo. Un monologo interpretato da Massimo Mirani, arricchito da musiche, video e personaggi che cercano di illustrarlo in maniera diversa rispetto a chi lo ha conosciuto in quegli anni.
Un uomo e un intellettuale eclettico, sfaccettato, contraddittorio, proiettato in un tempo che non era il suo, che ha letto i segnali di cambiamenti che si sarebbero palesati negli anni seguenti.
“Pasolini ha lasciato opere poetiche struggenti, ma anche scandalose e complesse e che ha evidenziato ed accentuato la propria ribellione verso una società che negava alcuni dei più importanti bisogni dell’essere umano” spiega Daria Veronese regista dello spettacolo.
scritto Massimo Mirani e Daria Veronese regia Daria Veronese con Massimo Mirani.
Per maggiori informazioni:
Teatro Millelire

via Ruggero di Lauria 22 Roma

dal 22 al 27 ottobre 2013

ore 21.00

domenica ore 18.00

Costo biglietto: intero 12.00, ridotto 10.00, tessera associativa 2.00

http://www.millelire.org – 0639751063 – 3332911132