Anziani troppo davanti alla Tv e ancora lontani dalle nuove tecnologie

“informarsi e comunicare al tempo del web e della TV”
VI Edizione della Città che apprende
Genova Palazzo Ducale 26, 27 settembre 2012

La televisione rappresenta il principale canale di informazione per l’84% dei cittadini italiani ed uno spazio importante per la formazione dell’opinione pubblica, come sottolinea l’ultima indagine Demos-Coop dedicata all’informazione. Oltre un quarto di chi ascolta la Tv non si informa in alcun altro modo. Si tratta soprattutto di donne, anziani, pensionati, con istruzione e livello sociale medio basso. Trascorrono oltre 4 ore al giorno davanti alla televisione, ascoltano i tg, seguono i programmi pomeridiani. Cambiano le percentuali se si parla invece di nuove tecnologie, internet e computer. L’ultima indagine Auser sulla condizione sociale degli anziani 2012 su elaborazione di dati Istat, ha evidenziato che tra il 2001 e il 2010 sono aumentati gli anziani che utilizzano il computer, con un incremento di circa 10 punti percentuali per la fascia 65-74, ma di soli 2 punti per gli over 75 contro un più 14% della popolazione totale. Se nel 2002 gli anziani fra i 65 e i 74 anni che utilizzano il computer erano il 3,7%, si è giunti al 2010 con il 13,7%. Si tratta di dati particolarmente interessanti in quanto l’utilizzo delle nuove tecnologie da parte degli anziani può permettere loro una maggiore inclusione sociale, maggiore capacità di informarsi e migliori condizioni di vita.
Mentre non vi è dubbio che informarsi attraverso un solo un mezzo, la tv, rischia di indebolire la propria esperienza di vita e di limitare la possibilità di partecipare ai processi democratici.

Di linguaggi dell’ informazione e della comunicazione, in particolare quella televisiva, e digitale, si parlerà a Genova il 26 e 27 settembre nella VI edizione della Città che apprende, manifestazione a cadenza biennale che Auser dedica all’educazione degli adulti ed alla cultura come strumento di cittadinanza e di integrazione sociale; il titolo di questa edizione è infatti “informarsi e comunicare al tempo del web e della tv”.
Un tema di grandissima attualità che coinvolge in modo particolare i cittadini più anziani come principali fruitori del mezzo televisivo ma ancora, soprattutto nel nostro Paese, troppo lontani dall’accesso alla comunicazione digitale.
Parteciperanno all’evento i numerosi rappresentanti delle università popolari Auser, dei circoli e dei centri culturali, una realtà molto vivace dell’ associazione Auser che offre occasioni di conoscenza, scambio culturale e socializzazione alle persone di tutte le età. Una rete che conta oggi più di 100.000 partecipanti ai corsi ed oltre 500 sedi in tutta Italia.

IL PROGRAMMA
mercoledì 26 settembre
– 9,30 saluto delle istituzioni
– 10.00/13,30 Relazione introduttiva di Patrizia Mattioli della presidenza Auser Nazionale; Sergio Bellucci, esperto di innovazione, “la comunicazione digitale”;
Daniela Brancati, giornalista e scrittrice, “la comunicazione televisiva”;
Intervento di Carla Cantone, segretario generale Spi Cgil.
– Nel pomeriggio alle ore 15.00 presentazione della piattaforma digitale “La vita che dura”, con le fondazioni Ahref e Di Vittorio; alle ore 16,30 laboratorio multimediale “I linguaggi del talk – show” con Antonio Bergero del laboratorio multimediale di Savona.
Giovedì 27 settembre

dalle ore 9,00 alle 10,00:
– “La storia in TV” con Marco Fiorini de “La storia siamo noi” della Rai;
– “Socializzare attraverso Internet” con Massimiliano Carboni dell’agenzia multimediale italiana.
Alle ore 10.00 Tavola Rotonda coordinata da Alessandro Montebugnoli, con Lorena Rambaudi del coordinamento Regioni per le politiche sociali; Claudia Pratelli Area Cgil “Politiche per i Giovani”; Emilio Miceli Segretario Generale SLC Cgil; Massimiliano Tarantino Responsabile Progetti Istituzionali Telecom Italia; Luca De Biase del Sole24Ore; Danilo Festa Direttore Generale Volontariato Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
E’ stata invitata Elena Ugolini, Sottosegretario al MIUR.
Sempre nella seconda giornata interverrà Vincenzo Scudiere, segretario Cgil Nazionale.
Verranno consegnati, infine, i Certificati Auser di Qualità alle Università Popolari e ai Circoli Culturali (bollino blu e bollino verde).
Concluderà i lavori Michele Mangano presidente nazionale Auser.
L’iniziativa è patrocinata da Regione Liguria, Provincia di Genova, e Comune di Genova ha inoltre ottenuto la Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...